News dall'Azienda
cronici
Zerocoda
percorso_nascita

19/04/2019
"I Disturbi della Condotta Alimentare nel territorio comasco: l’importanza del lavoro di rete multidisciplinare" - convegno a Villa Gallia - 15/05


Mercoledì 15 maggio è in programma a Villa Gallia a Como (Via Borgovico 154) il convegno "I Disturbi della Condotta Alimentare nel territorio comasco: l’importanza del lavoro di rete multidisciplinare" (h. 8.30-16).

Il convegno, rivolto a operatori, docenti e cittadinanza, è organizzato dal Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze dell'Asst Lariana e dall'Ati San Giuseppe- Sant'Andrea con il patrocinio della Sip-Lo, la sezione regionale lombarda della Società Italiana di Psichiatria. L'iscrizione è gratuita e si deve effettuare scrivendo alla mail pinuccia.corti@asst-lariana.it o telefonando allo 031-5859597.

Fin dal 2004 il Dipartimento di Salute Mentale di Como si è dotato di un servizio dedicato ai DCA, che nel tempo ha registrato un’evoluzione sul piano clinico, culturale e organizzativo nei diversi setting di cura necessari a buone pratiche (ambulatoriale, residenziale e ospedaliero) con l'istituzione di un ambulatorio ospedaliero multidisciplinare, la possibilità di ricoveri in ambiente medico o psichiatrico e in una struttura comunitaria riabilitativa. Il programma di questa iniziativa vuole evidenziare il modello culturale e l’organizzazione di un servizio strutturato in modo multidisciplinare che si occupa degli aspetti psicologico-psichiatrici e delle problematiche somatiche connesse alla denutrizione con conseguenze cardiache, renali, ormonali, metaboliche, in un'ottica multidimensionale e integrata.

"I Disturbi della Condotta Alimentare - spiega Antonio Iraci , responsabile della Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura dell'ospedale Sant'Anna di San Fermo della Battaglia e del servizio per i disturbi della condotta alimentare di Asst Lariana - sono patologie in continuo aumento e attualmente la loro prevalenza, probabilmente sottostimata, è tra l'1-4% della popolazione giovanile con un tasso di incidenza del 5,1%. I DCA costituiscono oggi la prima causa di morte per patologia tra le giovani donne nella fascia di età compresa tra i 12 e i 25 anni. Sono circa 3 milioni le persone che in Italia soffrono di DCA e 8.500 i nuovi casi ogni anno. E' un disturbo che da qualche anno non vede coinvolte solo le donne, ma anche i maschi con una percentuale che si aggira tra il 7-10% dei casi. I numeri, anche se forniti dal Ministero della Salute, sono sottostimati perchè non tutti i casi transitano da servizi in grado di fornire dati epidemiologici, per questo anche in una realtà come quella comasca risulta difficile avere un quadro preciso e si possono solo ricavare proiezioni".

Scarica il programma.

Bollini rosa Ospedale all'altezza dei bambini WHP certificazione formazione uni en iso 9001 2008 Areu